Progetti rilevanti per PowerPC 64 big endian

JdLL 2018

Come probabilmente saprete, abbiamo partecipato al meeting JDLL (Journées du Logiciel Libre, The days of the open software, https://www.jdll.org/) e ci siamo impegnati a fornire aggiornamenti sulla nostra partecipazione. Questa volta, i nostri partecipanti erano Phillipe Ferrucci e Fadi Osman. Hanno tenuto un discorso introducendo il nostro progetto, spiegandone i dettagli. Per usare le parole di Fadi:

“E’ stato un piacere incontrare Philippe! Abbiamo anche visto i ragazzi di OpenSUSE e altre persone, uno dei quali é l’inventore della banda magnetica. Molto emozionante!

Il gruppo Haiku é stato molto gentile e ci ha aiutato!”

Durante il discorso c’erano circa venti o trenta spettatori. Ci é stata fatta la classica domanda: come mai avete scelto PowerPC? PowerPC é veramente open-source?

Come sempre, abbiamo insistito molto sull’importanza della diversitá, e messo sul tavolo il noto bug della CPU Intel: Meltdown e Spectre, l’esistenza di back doors come esempi di vita reale dei problemi che si generano dall’attuale monopolio tecnologico. Abbiamo anche sostenuto l’importanza di tenere in vita le distribuzioni PowerPC, specialmente nella loro variante PPC64.

Riguardo alla seconda questione “Il PowerPC é open source?”, abbiamo descritto il lavoro dietro la OpenPower foundation. Inoltre, una delle ragioni che ci hanno fatto scegliere il powerPC é il background delle persone coinvolte nel progetto, in un modo o nell’altro la maggioranza di noi sono proprietari di Amiga classici o di nuova generazione e di Mac PowerPC.

jdll 2081

Durante questa interessante discussione, diverse persone ci hanno suggerito come superare i problemi descritti durante la nostra attivitá, basandosi sulle loro esperienze e conoscenze.

  • Qualcuno a suggerito di semplificare il progetto rimuovendo il controller SATA e collegando l’SSD direttamente usando l’interfaccia di I/O.
  • Un’altra persona ci ha descritto tutti i problemi incontrati sviluppando la console Pandora, come progettare il suo chassis.
  • Abbiamo ricevuto informazioni molto interessanti da persone che potrebbero aiutarci con le problematiche legate all’industrializzazione.
  • Altri hanno suggerito che piú persone potrebbero essere piú interessate a rendere open-source il formato PPC Raspberry pi, al posto del formato laptop.
  • Abbiamo anche avuto una conversazione con il CEO di Why! Che giá uno dei nostri principali donatori ed é interessato alla collaborazione successiva e alla vendita del notebook.

Incoraggiare il supporto continuo di PPC64

Aaron Smith, uno dei nostri donatori principali nonché CEO di “Amiga on the Lake” chiede a tutti gli utenti PPC64 di spingere per il supporto continuo di PPC64.

La societá “Amiga On The Lake” sta lavorando per fornire una distribuzione completa di Linux espressamente sviluppata per il computer AmigaOne X5000. Per raggiungere questo obiettivo, Aaron offre uno sconto a “qualunque sviluppatore serio che vuole una scheda madre AmigaOne X5000 sulla quale sviluppare”. In aggiunta, chiede a tutti i proprietari di Power Mac G5 di supportare attivamente lo sviluppo di Debian PPC64.

Leggi la comunicazione completa qui.

La nostra ricerca sul Yocto Project

Stiamo ancora sviluppando la nostra ricerca sulla creazione di un’immagine Linux basata sul Yocto Project. Non abbiamo ancora deciso se svilupperemo una distribuzione personalizzata usando Yocto o se sia uno sforzo troppo grande per noi. In entrambi i casi il lavoro che stiamo facendo é utile per l’intera comunitá PPC. Per esempio, abbiamo trovato un bug che causava un errore nella compilazione del kernel 4.14 per ppc64. Lo abbiamo riportato al Yocto Project bug tracker e abbiamo proposto una patch che é stata accettata, verrá applicata nella futura versione 2.5.

powerpc yocto

In aggiunta, stiamo cercando di compilare Firefox 52 ESR (Extended Release Support).

Web browsers che funzionino correttamente e che siano performanti sono infatti il principale mal di pancia all’interno dell’area software della piattaforma PPC. Al momento ci sono pochi browser che possono essere compilati per PowerPC e Firefox ha bisogno di essere compilato utilizzando flag particolari e patch applicate al codice sorgente per evitare problemi. Per compilarlo stiamo raccogliendo informazioni principalmente dai forum e gli issue tracker di Gentoo, Debian, RedHat e OpenSUSE. Usandoli siamo stati in grado di compilare e lanciare Firefox, ma ci manca un motore JavaScript (JIT), che non causi molti rallentamenti durante la navigazione e abbiamo ancora bisogno di risolvere una serie di bug e testare i risultati finali nel modo corretto.

Nel caso tu voglia collaborare in qualcuno di questi compiti puoi contattarci.

Adelie / Alpine PowerPC distro

Il maintainer do Adelie é un programmatore altamente qualificato a cui piace molto ppc64, un’architettura di livello (TIER) 1 per PowerPC.

Adélie e Alpine: distribuzioni PowerPC per tutte le piattaforme endian.

Alpine Linux é una distribuzione ampiamente nota , incentrata sulla sicurezza e sull’ingombro ridotto, costruita sulla musl libc. IBM ha aiutato a portare Alpine sull’architettura ppc64el (little-endian), e come Alpine 3.7 é ufficialmente supportata.

Invece, l’obiettivo di Adélie Linux é di creare un desktop facile da usare che funzioni su hardware di qualunque velocitá o etá, si basa sugli Alpine tools e musl libc. Supporta ufficialmente l’architettura ppc64 (big-endian) ed é stata la prima distribuzione a supportare completamente ppc64 su musl, e a fornire l’ambiente LXQT su ppc64/musl.

adeline ppc linux

“Riteniamo che il futuro dell’elaborazione libera risieda in PowerPC, e siamo entusiasti di vedere dove la piattaforma PowerPC arriverá,” ha detto A. Wilcox, lead of Adélie. “Progetti come GNU/Linux PowerPC Notebook e Raptor di Talos mostrano un futuro radioso con un hardware veramente libero controllato dal suo proprietario.”.

* Alpine Linux é disponibile su https://alpinelinux.org/

* Adélie Linux é disponibile su https://adelielinux.org/

Compilazione dei pacchetti Debian per PowerPC64 su istanza IBM Power8 all’Universitá dell’Oregon

Grazie all’OSU Open Source Lab dell’Universitá dell’Oregon e alla Fondazione OpenPower abbiamo avuto accesso all’OpenStack su un server Power8, quindi, abbiamo avviato una istanza con 4 vcpu, 8GB di RAM e abbiamo avviato la compilazione di pacchetti PowerPC, in particolare di pacchetti big endian (BE) per Debian PowerPC, questi sono pubblicati nel nostro repo pubblico. Questi pacchetti compilati funzionano su macchine ppc64 G5, e potrebbero essere utili per il nostro futuro laptop on hardware open.

Abbiamo preparato una istanza Debian 8.10 PowerPC BE su un Power8 basata su OpenStack per compilare pacchetti Debian PowerPC BE per la release “sid” (unstable).

Il nostro progetto é disponibile su OSU Open Source Lab.

Grazie all’istanza su Power8 adesso possiamo compilare pacchetti di applicazioni molto grandi in una frazione del tempo del quale avevamo bisogno con un PowerMac G5 dual core, o con un X86.

mame ppc64be compilations

Nel caso qualcuno voglia aiutarci a ottimizzare pacchetti Debian per powerpc64 big endian con altivec, contattateci.

 

Risorce cloud per esplorare, imparare e sviluppare su POWER:

https://developer.ibm.com/linuxonpower/cloud-resources/

Repository Debian della Comunitá Power Progress

Il nostro gruppo di lavoro ha aggiunto delle patch ad alcuni pacchetti Debian sid (unstable), abilitando ottimizzazioni specifiche per la piattaforma ppc64 e abilitando il supporto Altivec, dove disponibile. Il lavoro si concentra anche sulla risoluzione di bug e il porting su ppc64 di quanti piú pacchetti possibile. E’ possibile trovare sul nostro repository le istruzioni su come provarlo su: http://repo.powerprogress.org

Se vuoi collaborare con noi contattaci.

Firefox compilato installabile dalla nostra repo.powerprogress.org

 

lista dei pacchetti repo powerprogress

Presentazione del nostro progetto al Linux User Group di Monza, Italia

Ringraziamo i nostri amiti al Brigz per l’ospitalitá che ci hanno fornito a Bernareggio in provincia di Monza in Brianza, dove abbiamo presentato il nostro progetto. Le persone che hanno partecipato sembravano molto interessate sulle attivitá in corso e abbiamo colto l’occasione di ringraziarli per le loro preziose donazioni.

Realizzato Diagrammi a Blocchi PowerPC Notebook

Sono passati tre mesi dalla partenza della nostra campagna, è arrivato il momento di condividere un aggiornamento sullo stato dei lavori.

Abbiamo raggiunto l’importo di € 7100 grazie a più di cento donatori che hanno contribuito, in alcuni casi con più di una donazione. Stiamo pensando a come incrementare le donazioni per raggiungere l’obiettivo finale di € 12600.

Abbiamo visto che un gran numero di donatori sono nuovi seguaci del progetto, quindi sembra che le nostre attività di comunicazione attirino con successo nuove persone. Ora abbiamo intenzione di ottenere ancora di più, quindi chiediamo a tutti di condividere sempre di più il nostro progetto, ad esempio sostenendo la sua pubblicità in riviste tecniche online e forum, siti web e altri media

Per promuovere queste attività, il progetto è stato presentato la scorsa settimana a due eventi Linux in Italia, uno a Milano da Roberto Innocenti ed uno a Bolzano / Bozen da Diego M.Nello stesso fine settimana ACube ha pubblicato il progetto proprio successo di Amiga32 a Neuss (Germania) e molte persone hanno mostrato il loro interesse. L’11 novembre Philippe F. presenterà una presentazione presso l’evento Alchimie 12 a Tain l’Hermitage (Francia).

Vuoi che gli schemi elettrici siano pronti per Natale? La soluzione è solo una: preparatevi per un contributo attivo, donando e coinvolgendo più persone!

Per quanto riguarda i lavori in corso, ACube sta lavorando alla progettazione di schemi elettrici e ha inviato un diagramma a blocchi precoce, che è stato ampiamente discusso con il nostro team core hardware di volontari. Dopo questa discussione, in particolare per quanto riguarda un componente NDA, siamo arrivati ad una versione finale accettata da entrambe le parti: quasi tutti i componenti sono identificati.

Stiamo includendo un diagramma a blocchi della scheda madre del nostro notebook PowerPC (senza nomi di circuiti integrati). Renderemo pubblici tutti i nomi dei circuiti integrati quando raggiungeremo la quantità richiesta di donazioni per completare lo schema elettrico, come concordato con ACube. Quindi, pubblicheremo i file di progettazione quando una fase di progettazione sarà completata e tenderà ad essere priva di errori e bug. Prima di tutto, chiunque voglia collaborare attivamente nella revisione del design può partecipare e partecipare al nostro progetto e associazione.

In poche parole, stiamo lavorando sodo per promuovere la campagna, e ACube è “sul pezzo” per realizzare la fase uno del progetto. Vediamo la luce alla fine del tunnel! Continuate così!

Infine vogliamo ricordare l’importanza delle piccole donazioni ricorrenti. La possibilità di avere molte persone a contribuire con una piccola quantità di soldi mensilmente è molto interessante per noi, in quanto ciò garantirà il lavoro costante del progettista dell’hardware.

Aggiornamento relativo al crowdfunding

Cari lettori, membri della comunità

Come sapete, abbiamo affermato che il nostro obiettivo era iniziare la campagna di crowdfunding a maggio. Abbiamo stabilito il mondo in cui vogliamo condurre il nostro crowdfunding, che è una combinazione di crowdfunding ricorrente e non ricorrente nel tempo per finanziare lo sviluppo del portatile. Non stiamo mirando ad una campagna compressa in un tempo ristretto in cui ci siamo resi conto che fare un self-hosting del nostro crowdfunding non avrebbe prodotto risultati. Questo tipo di crowdfunding è paragonabile alle donazioni patreon (link: https://www.patreon.com/) o al modo in cui vengono finanziate organizzazioni come Haiku Inc.

Per noi è importante prendere tempo per coordinarci con il nostro produttore per finalizzare un testo esaustivo e per produrre un video per spiegare la raccolta fondi. A causa di ciò stiamo ritardando l’inizio poiché stiamo facendo ordine al momento. Abbiamo bisogno di ulteriori giorni per completare queste attività ed impostare la campagna di donazioni online.

Un piccolo ritardo non è un ritardo

Un piccolo ritardo non è un ritardo

Il nostro obiettivo è lanciare la campagna in Giugno, ma vi terremo aggiornati nel momento in cui faremo progressi.

Le nostre scuse per il ritardo, vi ringraziamo per la pazienza e rimanete sintonizzati. 🙂

La forza di una squadra: la squadra PowerPC

GNU/Linux PowerPC notebook team

È passato un mese dal nostro precedente post, quindi è il momento di fare il resoconto delle nostre attività. In sostanza, stiamo lavorando sulle stesse questioni che abbiamo discusso nel precedente post. Tuttavia, in questo aggiornamento del progetto PowerPC Notebook, cercheremo di andare oltre tutte le aree su cui stiamo lavorando,  proprio perché la nostra idea è quella di essere il più trasparenti possibile.

Stato del progetto GNU/Linux PowerPC notebook

In primo luogo, per quanto riguarda la creazione di un’organizzazione, abbiamo valutato di stabilire una fondazione, ma il costo è troppo oneroso per noi. Abbiamo anche cercato di ottenere l’appoggio di un’organizzazione esistente ma, purtroppo, non abbiamo ricevuto risposta. Infine, la soluzione più adatta e veloce per noi è quella di registrare un’associazione non-profit in Italia.
Questa associazione promuoverà la campagna di finanziamento per il design della motherboard ed i prototipi.

Sul lato hardware, abbiamo un primo elenco di componenti da utilizzare nel notebook. Ne stiamo valutando l’idoneità alle nostre esigenze e li stiamo scegliendo anche in base a quanto sono open. Dobbiamo ancora lavorare su questo, scartando alcuni elementi e aggiungendone di nuovi. Stiamo facendo questo in collaborazione con il progettista della scheda madre.

Il nostro team software è in contatto con la community Debian, ma ci muoviamo ancora lentamente ed abbiamo bisogno di ulteriore feedback per essere in grado di concentrare i nostri sforzi. Il team software sta pensando ad un approccio alternativo per semplificare questo compito.

Infine, dobbiamo parlare del come ottenere uno chassis per il nostro laptop. In questo caso possiamo dire che stiamo contattando diverse compagnie che forniscono barebone notebooks (senza componenti principali e sistema operativo) ed alcuni altri produttori di laptop. Anche in questo caso, dobbiamo dire che siamo in attesa di risposte. La nostra opzione preferita sarebbe quello di ottenere l’aiuto di Iameco. Amiamo i suoi chassis e case per motivi etici. Il laptop Iameco è prodotto usando materiali riciclabili e producendo un impatto ambientale minimo. Ci piacerebbe progettare la motherboard per adattarla ad uno dei suoi chassis.

Il nostro spirito

In breve, tutti i gruppi della community stanno lavorando duramente ed alcuni progressi sono stati raggiunti da tutti.
Inoltre, la nostra comunità continua a crescere ogni giorno. Abbiamo nuovi volontari per la traduzione, diffusione dei nostri messaggi e per il software del computer. Alcuni dei nostri nuovi membri si scusano in anticipo per via del fatto che non hanno molto tempo, ma noi rispondiamo sempre dicendo che siamo volontari, siamo mossi dai nostri principi e proviamo a raggiungere i nostri obiettivi godendoci il progetto con passione ed entusiasmo. Se ti mancano i giorni in cui i computers avevano più personalità, unisciti a noi ed aiutaci a recuperare lo spirito dei pionieri dell’informatica.

debian ppc64 e Fedora ppc64 per PowerPC Notebook

Dalla pagina chi siamo ora trovate le persone che si stanno impegnando per questo progetto.  Ci sono altre persone  interessate con cui si è in contatto e presto conoscerete anche loro.

Fedora ppc64 sul nostro portatile PowerPC

Peter Czanik ha parlato con molte persone di questo progetto al FOSDEM 2015 come ha scritto nel forum ed anche ne ha parlato al DevConf.cz dove il team di Fedora/RHEL PPC ha promesso di dare aiuto per fare funzionare Fedora sul nostro portatile PowerPC a 64 bit.

Chiunque volesse aiutare per Fedora ppc64 può contattarci o iscriversi alla newslettter e riceverà il questionario “come partecipare al progetto”.

Debian ppc64 sul nostro portatile PowerPC

Continue reading